Cycling & Blogging: welcome on board, sei entrato nel Blog ufficiale dell'Alexander Bike Hotel di Gabicce Mare!

domenica 25 giugno 2017

25/06/2017

Guida bike:  Fabrizio 
Partenza: 08.30
Km: 85
Dislivello:1.240 mt
Velocità: 20/22 Km/h

Tour: Gabicce Mare - Urbino - Gabicce Mare 








sabato 24 giugno 2017

24/06/2017

Guida bike:  Fabrizio 
Partenza: 08.30
Km: 75
Dislivello:750 mt
Velocità: 20/22 Km/h


Tour: Gabicce Mare - Cattolica - San Giovanni in M. - Morciano - Santa Maria in Pietrafitta - Gradara - Babucce - Pesaro - Panoramica - Gabicce Mare 









“Safety in numbers”

E' il nome dall’efficace campagna promossa dalla Federazione inglese CTC,  omologa della nostra FIAB.

C’è infatti una correlazione tra ciclabilità e riduzione dell’incidentalità, che a sua volta porta un ulteriore aumento dei ciclisti: Più ciclisti=più sicurezza.

Ciò dipende dal fatto che le biciclette, più piccole, meno veloci e meno numerose delle auto spesso non vengono proprio viste dagli automobilisti perché non se le aspettano e non le notano. all’aumentare del numero dei ciclisti, invece, i conducenti di automobili diventano più consapevoli della presenza dei ciclisti e migliorano la loro capacità di anticiparne la presenza nel traffico.

Più persone utilizzano la bici, più è visto come legittimo uno spazio urbano propriamente attribuito. Cambia l’aspettativa sociale, le persone decentrano il proprio punto di vista come utenti della strada e si modifica anche il regime delle velocità di percorrenza.




CTC ha anche promosso una campagna con il Ministero dei Trasporti britannico asserendo tra l’altro che:

  1. all’aumentare dei ciclisti i conducenti di mezzi motorizzati fanno maggiore attenzione alla loro presenza e cercano di anticiparne i comportamenti
  2. i conducenti saranno più probabilmente ciclisti essi stessi e sarà più probabile che comprendano come il loro comportamento possa influenzare quello di altri utenti della strada
  3. più ciclisti avranno anche più peso nelle scelte politiche attente a migliorare la condizione dei Ciclisti stessi





The safest places to cycle are those with high cycle use.
More and safer cycling can, and should, go hand in hand
.

That's the message of CTC's Safety in Numbers campaign which explains that the more people cycle, the safer it is for each individual cyclist, since places with high levels of cycling are associated with lower risks.
Possible reasons for the "Safety in numbers" effect are:
  • Drivers are more aware of cyclists
  • Drivers are more likely to be cyclists themselves
  • There is greater political will to improve cycling conditions, such as building infrastructure, reducing speed or increasing enforcement of traffic law
We want to halve the risk of cycling and double the numbers at the same time.
Unfortunately current road safety techniques merely count the number of casualties, not the risk. With a substantial increase in cycling, the numbers of cyclists being injured is likely to increase, even if the overall risk falls. Only by changing the way we measure safety from absolute numbers to risk will we be in a position where cycling can be encouraged without leading to conflicting local authority objectives.
In response to pressure from CTC, the Government has adopted an indicator for cycle safety based on risk per mile travelled, not simply numbers of deaths or injuries. This is a major step, but it needs to be followed up by local authorities following the Government's lead. 
Taking steps to increase cycling - and at the same time improve safety - will benefit our streets, our health, our communities and the environment, as well as improving safety for all road users.
So how do we do this?
By tackling the fears which prevent people from cycling more. That means:
  • Making the road environment more cycle-friendly, by reducing traffic volumes and speeds and by providing high-quality cycling infrastructure
  • Improving driver behaviour, through training and awareness campaigns, backed by stronger traffic law and enforcement
  • Reducing the threats posed by lorries
  • Funding schemes that promote cycling positively and improve confidence, e.g. making cycle training widely available for people of all ages, backgrounds and abilities.


venerdì 23 giugno 2017

Nexo Tires

Una gomma robusta, la quale non può forare e per di più non ha né la camera d’aria né uno spazio da tenere in pressione come nelle gomme tubeless.

Le gomme sono piene, senza fori,, caratteristica che sa di già visto ma almeno offre una soluzione pratica e funzionale.
Nel settore dei pneumatici la differenza la fa la scelta dei materiali e la mescola. Nel caso di una bici queste scelte devono andare in un’unica direzione: il contenimento del peso senza trascurare la longevità delle gomme.

In questo caso le Nexo Tires sembrerebbero eccellenti, hanno un peso ridotto anche del 35% rispetto alle gomme piene già presenti sul mercato. Anche per quanto riguarda la longevità sembrano molto promettenti. Test di laboratorio effettuati caricando una bici con circa 50 Kg per ruota, facendola viaggiare su della carta abrasiva 400 a una velocità di 30 Km/h hanno dimostrato che possono durare anche oltre 5.000 chilometri.






A rugged rubber that can not pierce and, moreover, does not have the air chamber or the pressure to keep it in tubeless tires.

The tires are full, without holes, a feature that offers a practical and functional solution.
In the tire industry the difference is made by the choice of materials and mixes.
In the case of a bike these choices must follow one direction: weight control without neglecting the longevity of the tires.



In this case the Nexo Tires would look excellent, they also have a reduced weight of 35% compared to the full tires already on the market. Even with regard to longevity they seem very promising. Laboratory tests carried out by loading a bike with about 50 Kg per wheel, making it travel on abrasive paper 400 at a speed of 30 Km / h have shown that they can last well over 5,000 kilometers.