Cycling & Blogging: welcome on board, sei entrato nel Blog ufficiale dell'Alexander Bike Hotel di Gabicce Mare!

mercoledì 1 aprile 2015

Super Helmuth!!!

La nostra super guida Helmuth non si riposa mai!!!
In montagna si allena e trionfa con gli scii!!!
In occasione del  Mondiale Master Italiano, iniziato martedì23 marzo, nel gruppo B8 43 atleti si contendo il 1° posto ... alla fine della gara due austriaci si qualificano ai primi due posti ma a 6 decimi c’è un grande Helmuth Ladurner, che conquista un gran bel bronzo per l’Italia.
Go Helmuth go!!!





martedì 31 marzo 2015

Bici senza raggi

È italiana la prima bicicletta senza raggi che si ripiega in uno zaino. E’ realizzata in alluminio e, quando sarà in commercio, entro fine 2015, peserà sotto i dieci chili. L’invenzione è di Gianluca Sada, ingegnere trentunenne che ha realizzato il primo prototipo di bicicletta che passa dalle dimensioni di un comune ombrello a quelle di una normale bici da strada con ruote da ben 26 pollici. L'invenzione di Sada conferma la propensione degli inventori italiani per le due ruote: sia nel campo dei motori elettrici - con il motore che si applica ai pedali e quelle alimentate dal motore della lavatrice - che in quello della sicurezza dove sono stati creati l'allarme collegato allo smartphone, il cavo di ricarica che si trasforma in lucchetto , e il lucchetto integrato nel telaio. Il meccanismo di Sada semplice e veloce in pochi secondi permette di inforcare la bici o riporla in uno zaino di dimensioni comuni. Le ruote, grazie a un particolare design brevettato, non necessitano dei raggi, riducendo ulteriormente l'ingombro e mantenendo al contempo un diametro di tutto rispetto che permette di coprire agevolmente anche lunghe distanze. Grazie alla collaborazione con le Fonderie e Officine Meccaniche Tonno e con l'Incubatore Imprese innovative del Politecnico di Torino, la Sadabike è oggi una start-up innovativa. 



Non è certo la prima, ma per ora è la più innovativa tra le bici super-trasportabili. La storia delle pieghevoli risale addirittura al 1878, quando il britannico William Grout decise ripensare il mezzo di spostamento per renderlo compatibile con il trasporto a mano. Da allora è passato più di un secolo di piccoli cambiamenti, ma nulla di veramente rivoluzionario: il ripiegamento era sempre più o meno macchinoso e la guida impacciata dalle dimensioni del mezzo. Il trade-off tra l'usabilità e la trasportabilità è rimasto un problema fino a pochissimo tempo fa, quando un giovane ingegnere di Battipaglia trapiantato per gli studi a Torino si è messo in testa di fare onore a Leonardo da Vinci. «L'idea è nata guardando un bimbo che giocava con uno di quei giocattoli che non si usano più: un vecchio balocco costituito da una semplicissima rotella spinta da un'asta. La ruota non aveva i raggi, da lì ho pensato che la chiave per risolvere il vincolo tra portabilità e usabilità fosse rivoluzionare il cerchione»
Affascinato dall'intuizione donatagli dal gioco del bimbo, Gianluca ha iniziato a buttare giù schizzi quasi per gioco; gli studi di ingegneria dell'autoveicolo hanno apportato poi più sostanza, fino al primo scoglio, convincere il suo relatore a supportare una tesi di laurea su un progetto che non coinvolgesse un automobile, ma "solo" una bicicletta. «All'inizio era un po' scettico, poi riconoscendo la sostanza dell'idea e la cura nello sviluppo mi ha appoggiato in pieno». Come funziona I copertoni sono supportati da un paio di cerchioni speciali, che permettono di eliminare i raggi. «Nelle bici tradizionali i raggi funzionano solo in trazione, quindi la bici è sostanzialmente 'appesa' alla metà superiore delle ruote. Io ho pensato semplicemente di spostare il fulcro, cambiando la sezione del cerchione con una forma particolare". Il telaio ha una forma a forbice che gli dona un tocco futuristico e che permette agli ingranaggi di richiudere la bici in pochi secondi. I riconoscimenti I primi riconoscimenti arrivano quando l’ordine degli ingegneri di Torino gli assegna il primo posto per il premio “IDEA-TO” come “migliore tesi di laurea a carattere innovativo». E Gianluca viene annoverato nei migliori 200 talenti d’Italia.

lunedì 30 marzo 2015

Pedalare insieme

Non è difficile andare in gruppo, ma non basta saper pedalare, bisogna capirsi, conoscersi, fidarsi, avere fiato, gambe e tanto cuore ma soprattutto avere voglia di fare un pezzo di strada insieme.
Tanti amici hanno deciso di pedalare insieme, scegliendo insieme i percorsi: vecchi, nuovi, conosciuti e sconosciuti, grandi viali e piccoli sentieri, ma tutti immersi e circondati da tanti colori.
I colori delle sensazioni, dei sentimenti, delle affinità: i colori dell’ amicizia. Ognuno ha una propria specialità: chi va meglio in salita, chi in pianura, chi in discesa, ma tutti sono grandi atleti.
Quello che si prova ad andare in compagnia non è solo sfida, ma amicizia, coinvolgimento, complicità, rispetto e simpatia, con tanto, tantissimo divertimento. Pedalare con gli amici, nuovi o di vecchia data, è un’ esperienza felice e straordinaria che ci accompagna per tutta la vita.

 

Sofia Loren - Rik Battaglia

 

giovedì 26 marzo 2015

Piccolo trattato di ciclosofia

"Il ciclista non fa code, non ha problemi di parcheggio. Procede spavaldo, impettito e il suo agile veicolo gli trasmette una tranquilla solennità.
Beffardamente sorpassa l'automobilista imbottigliato nel traffico.
 Bicicletta diventa sinonimo di benessere fisico e spirituale, libertà di movimento e di pensiero. Il ciclista può convivere in armonia con il pedone, se questo non è distratto quando attraversa, ma si oppone irrimediabilmente all'automobilista, allo strombazzamento dei clacson e all'inquinamento dei motori."



Tratto da "Il piccolo trattato di ciclosofia di  Didier Tronchet